LE CINQUE COSE DA SAPERE SUI MERCATI OGGI

ROMA (MF-NW)--Ultima giornata della settimana caratterizzata dalle preoccupazioni sul fronte geopolitico, dopo l'attacco di Israele contro l'Iran. Dalla ministeriale Esteri del G7 arriva l'impegno per una de-escalation in Medio Oriente. Media sotto i riflettori negli Usa, con lo stallo delle trattative per i diritti tv della Nba, Paramount che vola a Wall Street sulle voci di un'imminente offerta da Sony e Apollo e Netflix che cala dopo aver annunciato che non rivelerà più il numero dei suoi abbonati.

1. ISRAELE LANCIA ATTACCO SU IRAN, IL PETROLIO BALZA E POI FRENA

Israele lancia l'attacco contro l'Iran. Colpita una base militare a Isfahan ed esplosioni sono state registrate anche nel sud della Siria. Teheran ha fatto sapere che non ci sara' "nessuna ritorsione immediata". Intanto, i Paesi G7 riuniti a Capri hanno ribadito l'impegno per una de-escalation nel Medio Oriente e sono pronti ad adottare nuove sanzioni contro il governo iraniano, "in risposta a ulteriori iniziative destabilizzanti". Il petrolio ha avuto una fiammata, poi rientrata.

2. TIM, KKR NOTIFICA A UE OPERAZIONE NETCO

Kkr ha notificato alla Commissione Ue l'operazione Netco. In vista dell'assemblea del 23 aprile sono arrivate anche le risposte alle domande dei soci: la cessione di Netco produrrà impatti contabili, ma solo a valle del closing sarà possibile quantificarli con precisione e non sono previste di penali qualora l'operazione non si perfezioni.

3. PARAMOUNT VOLA A WALL STREET ( 9,6%) SU INTERESSE SONY

Paramount Global potrebbe ricevere un'offerta dalla giapponese Sony e da Apollo Global Management, pronte a rilevare il colosso che controlla gli omonimi studi cinematografici e le emittenti tv Cbs e Nickelodeon. Le due societá punterebbero a offrire contanti in cambio di azioni della

Paramount, secondo quanto riportato dal New York Times, privatizzando la società attraverso la costituzione di una joint venture. Il titolo sale del 9,6% a Wall Street.

4. NETFLIX SUPERA 9 MLN NUOVI ABBONATI, MA TITOLO CEDE (-6%)

Netflix si conferma il player dominante nel mercato dello streaming. Il colosso statunitense ha infatti chiuso i primi tre mesi del 2024 con piú di 9 milioni di nuovi abbonati, raggiungendo il livello record di 269,6 milioni contro un consensus di 264,2 milioni. Anche utile e fatturato hanno superato le attese del mercato: i profitti si attestano a 2,33 mld e i ricavi a 9,37 mld, in aumento del 15%. Netflix ha però annunciato che non rivelerà più il numero dei suoi abbonati a partire dal prossimo anno, un annuncio che fa calare il titolo di oltre il 6%.

5. STALLO NELLE TRATTATIVE SU DIRITTI TV NBA

I colloqui esclusivi tra la National Basketball Association (Nba) e la cordata Disney-Warner Bros. per i diritti di trasmissione delle partite di basket potrebbero arrivare alla scadenza fissata a lunedì 22 aprile senza un nuovo accordo. Le trattative si sono incagliate a causa dell'ingresso di un probabile terzo attore. Da un lato, Disney e Warner non intendono cedere parte dei diritti conquistati negli anni, dall'altro però nessuna delle due vorrebbe farsi carico dell'aumento delle tariffe chiesto dall'Nba.

E nel weekend occhio a...Domenica, quando si apriranno le urne per le elezioni regionali in Basilicata. Lunedì alla Camera e al Senato partono le audizioni sul Def: attesi gli interventi, tra gli altri, di Banca d'Italia, Corte dei Conti, Istat, Confindustria e alle 20h30 il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti.

liv

MF NEWSWIRES (redazione@mfnewswires.it)

1918:30 apr 2024